Numerose sono le occasioni in cui è necessario perforare gli alimenti o i relativi involucri o contenitori. Per questo motivo abbiamo deciso di raccogliere una vasta gamma di utensili per perforare e tranciare. Quelli più semplici da utilizzare sono anche quelli di maggior uso comune, altri invece sono talmente complessi e cervellotici per cui la loro utilità è davvero ristretta a pochissimi usi e altri ancora sono talmente poco robusti da non meritare nemmeno lo spazio all’interno dei cassetti della cucina.

Tuttavia, come nelle migliori storie d’amore, capita lungo il vostro percorso da cuochi provetti di incontrare utensili di cui difficilmente se ne può fare a meno.

Cesoie da cucina

Le lame di queste cesoie, semplici e multiuso, hanno una rientranza che permette di recidere le giunture del pollame; inoltre, altre zone dell’impugnatura possono essere utilizzate per aprire barattoli e bottiglie, levare tappi a capsula e a pressione. Queste cesoie possono essere completamente smontate e lavate anche in lavastoviglie.


Forbici da cucina

Sono diverse dalle normali forbici di casa perché hanno le lame più lunghe, una delle quali di solito è seghettata, rendendo così più facile sezionare la carne del pollo o del pesce. Le migliori hanno lame di acciaio inossidabile forgiato. Sceglietele con la vite anziché il rivetto, così potrete smontarle per pulirle e affilarle agevolmente. Prima di acquistarle provate l’impugnatura, per vedere se vi ci trovate bene.


Trinciapollo

Perfetto per recidere ossi, cartilagini e carne. le lame, ricurve e appuntite, permettono di effettuare anche i tagli più impegnativi, mentre l’apposita rientranza permette di tenere fermo l’osso durante il taglio. Una molla robusta tiene aperti i manici, ma è un ricettacolo di batteri perché vi si infiltrano i liquidi del pollame crudo, perciò ricordate di pulirla accuratamente. Un gancio tiene chiuse le lame quando l’attrezzo non è in uso.


Cavatorsoli

Si usa così: tenetelo perpendicolare al centro del frutto, spingetevelo dentro e quindi ritiratelo per estrarre il torsolo. Se non scendete ben dritti sulla verticale, o nel caso che il diametro del torsolo sia superiore a quello dell’ attrezzo, vi capiterà di tirare su semi o pezzetti di polpa.

Il cavo torsoli corto adatto per mele e pere ma non per frutti più lunghi.

Per svuotare zucchine, melanzane e altri ortaggi di forma allungata vi servirà un cavo torsoli più lungo, come quello che vedete nella foto.


Scavino

E’ utile nel caso preferiate ottenere delle palline di melone anziché pezzetti tagliati al coltello.

Piantatela nella polpa del frutto è, quando vedete affiorare il succo dal buchino sul fondo giratelo, ed estraete la pallina. Alcuni modelli hanno un cucchiaino all’estremità del manico, che permette di togliere la polpa più vicina alla buccia.


Svuota-ananas

Apprezzo senz’altro utile e funzionale, vale la pena acquistarlo solo se l’ananas figura spesso nel vostro menù. Tagliate la calotta superiore del frutto, poi “avvitatelo” nella polpa, in verticale, fino in fondo. A questo punto tirate verso di voi: estrarrete un’unica spirale di polpa, senza puntini marroni e parti di scarto. La buccia rimane intatta e può essere utilizzata come contenitore per servire un’insalata di frutta, ad esempio, o per confezionare delle barchette d’ananas.


Snocciolaolive/snocciolaciliegie

Le olive vengono commercializzate col nocciolo, e questo piccolo attrezzo vi permetterà di snocciolarle rapidamente con un unico,rapido gesto. è perfetto anche per le ciliegie: basta collocare il frutto nell’apposito alloggiamento col picciolo rivolto verso l’alto, premere e voilà, il gioco è fatto.