Difficoltà

Media

}

Preparazione

2 ore

Dosi

4 persone

Costo

Medio

Presentazione

Lo street food per eccellenza siciliano. Gli arancini di riso rispecchiano la tradizione siciliana nella ricerca di sostanza volta alla ricerca di piatti unici nei quali regna incontrastata la pasta arricchita da ortaggi, verdure, pesce o carne. Da questa esigenza e dall’inguaribile voglia di mettere sotto i denti, durante le ore di spuntino, qualcosa di gustoso e ricco, nasce l’arancino di riso. Lo si può trovare nei bar, nelle friggitorie ed in tutte le gastronomie della provincia catanese e palermitana.

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di riso
  • ½ bustina di zafferano
  • 50 g di caciocavallo grattugiato
  • 4 uova
  • 250 g di polpa di vitello tritata
  • 100 g di piselli sgranati
  • ½ cipolla
  • 1 costola di sedano
  • 1 carota
  • 1 tazza di brodo
  • 1 bicchierino di vino bianco secco
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 150 g di caciocavallo o mozzarella
  • olio extravergine di oliva
  • 1 rametto di prezzemolo
  • pangrattato
  • farina
  • sale
  • pepe

Preparazione

Fate appassire un trito di cipolla, sedano e carota in un tegame con l’olio. Prima che il soffritto prenda colore, unite la carne e rosolatela. Bagnate con il vino e lasciate evaporare a fuoco medio. Aggiungete, quindi, i pisellini e fateli insaporire per un paio di minuti.

Versate il brodo bollente, in cui avrete sciolto il concentrato di pomodoro, e spargetevi sopra il prezzemolo tritato. Pepate, coprite e cuocete per 40 minuti, su fiamma dolce, incorporando se necessario un pò di acqua calda.

Quando il ragù sarà pronto, lessate il riso in abbondante acqua salata, scolatelo al dente, trasferitelo in una terrina e conditelo con il caciocavallo grattugiato, 1 uovo battuto e lo zafferano sciolto in pochissima acqua calda.
Amalgamate bene tutto e lasciate raffredare.

Nel frattempo, tagliate a dadini il caciocavallo (o, se preferite, la mozzarella) e tenetelo da parte.
Appena il riso sarà freddo, mettetene una cucchiaiata abbondante in una mano e pressatelo leggermente contro il palmo, creando un incavo al centro.

Riempite la cavità con un cucchiaio di ragù, ben sgocciolato e qualche dadino di formaggio. Coprite tutto con un poco di riso e plasmate la forma di piccola arancia.

A questo punto, passate gli arancini nella farina, poi nelle uova battute e, infine, nel pangrattato e friggetele, poche per volta, in abbondante olio caldo.

Uscite gli arancini di riso quando saranno dorati e poneteli su carta assorbente a perdere l’unto in eccesso. Servite caldi o tiepidi.